19/03

Toyo Ito, Nobel per l'Architettura 2013

pubblicato il 19/03/2013 in

Toyo Ito 010

Toyo Ito è considerato l’architetto più innovativo del mondo. Dopo il Leone d’Oro per il Padiglione Giapponese alla Biennale di Architettura, a lui è stato assegnato il riconoscimento più ambìto da tutti i progettisti del mondo, il premio Pritzker 2013. 
L’architetto giapponese, prossimo ai 72 anni, è il sesto professionista appartenente al paese del Sol Levante al quale la Hyatt Foundation ha assegnato il Nobel per l’Architettura. 
Un riconoscimento importante motivato, come ha scritto Stephen Breyer - che ha presieduto la giuria del premio - dalla “capacità della sua architettura di migliorare la qualità degli spazi sia pubblici e privati”.


In più di quarant’anni, Toyo Ito ha realizzato spazi eterogenei - biblioteche, parchi, teatri, negozi, edifici residenziali e commerciali, padiglioni espositivi - tra cui la Sendai Mediatheque di Miyagi, il Matsumoto Performing arts centre di Nagano, il building di Ometesando per Tod’s a Tokio, la Serpentine Gallery a Londra. Tutti i suoi lavori sono accomunati dalla stesso caratteristico approccio rivolto alla qualità, basato cioè sullo studio e sulla valorizzazione delle opportunità specifiche di committente e luogo. 
In questa concezione, la sperimentazione tecnologica e l’attenzione alla natura hanno ricoperto un ruolo di prim’ordine diventando la firma di tutti i suoi lavori che traggono ispirazione dalla natura, dall’aria, dall’acqua e dal vento; in cui come lui stesso dice “si incontrano i sentimenti delle persone” e che, come sottolinea la giuria del premio Pritzker, “riescono ad infondere una particolare dimensione spirituale”.

 

E dal quanto suo, con un grande senso di umiltà e di indipendenza, così lontano da quella spettacolarizzazione che spesso contraddistingue l’architettura occidentale, Ito ha dichiarato all’assegnazione del premio:
“Ogni volta che mi sono trovato a terminare un edificio mi sono sentito dolorosamente consapevole della mia inadeguatezza, sensazione che ho convertito ogni volta in energia da investire nel progetto successivo». In questo senso «non potrò mai dare senso compiuto al mio stile architettonico, né essere pienamente soddisfatto con le mie opere».


La cerimonia ufficiale della premiazione si terrà il 29 maggio presso la Biblioteca John F.Kennedy di Boston, una location scelta perchè progettata dal Nobel per l’architettura 1983, l’architetto Ieoh Ming Pei.

 

Di seguito alcune realizzazioni di Toyo Ito
Sendai Mediatheque di Miyagi

 

 

 

 

Matsumoto Performing arts centre di Nagano

 

 

 

 

 

Tod’s building a Ometesand, Tokyo

 

 

Serpentine Gallery a Londra