Home

DVEazienda

Benvenuti nel sito di Costruzioni Dalla Verde SpA, leading player nell'industria delle costruzioni e specializzata nel restauro di edifici di valore. Dalla Verde opera con la formula chiavi in mano e offre soluzioni smart nell'edilizia residenziale, direzionale ed industriale, per garantire qualità, in Classe A, nel rispetto del budget e dei tempi concordati.

>> Codice Etico

Proposte immobiliari

Collemarcoabstract2016

Colle Marco Trifamiliari

Creazzo (Vicenza)

Edifici A+B

Colle Marco Trifamiliari

Creazzo
Progetto: ASA Studio Albanese

 

Nella esclusiva zona collinare di Creazzo, in un’ampia area immersa nel verde, stiamo per realizzare un contesto architettonico residenziale, a misura d'uomo, pensato per crescere con la propria famiglia. Saranno disponibili due edifici abitativi con 3 soluzioni tricamere di pregio caratterizzate da ingressi indipendenti, grandi giardini privati e terrazzi abitabili, finiture di alto livello, elevato comfort dell'abitare, in Classe energetica A.
Il contesto esclusivo, lo stile architettonico, le ampie dimensioni, la presenza notevole di giardini e terrazzi abitabili, la tecnologia costruttiva, le finiture pregiate, sono segni distintivi che amiamo riassumere in 3 parole: Limited Edition Living.
Un'architettura contemporanea che la matita di Flavio Albanese ha splendidamente inserita nella tradizione signorile del territorio veneto.

  • Stampa
  • Invia ad un amico
    chiudi
  • Scarica la brochure
  • Scarica il Manuale d'Uso
26/07

Le Corbusier - Patrimonio mondiale dell'umanità

pubblicato il 26/07/2016 in , , ,

Chandigarh Le Corbusier

L'architettura è un mondo in continuo movimento, fatto di rivoluzioni, influenze e trend che si susseguono per rispondere alle esigenze dell'uomo. Dal secolo scorso i cambiamenti sono stati moltissimi, tuttavia alcune opere sono pietre miliari e rimarranno per sempre esempi a cui ispirarsi. Le archistar di oggi non avrebbero tutto il successo che meritano se non avessero tratto ispirazione dai loro predecessori, interpreti dello spazio e dei materiali, come Charles-Edouard Jeanneret-Gris, in arte Le Corbusier (il nome era ispirato al cognome del nonno materno Lecorbésier, storpiato per ricordare anche quello del suo maestro, l’architetto svizzero Charles L’Eplattenie), uno degli architetti più importanti ed innovativi del Novecento. Per gli appassionati e per coloro che come noi sono addetti ai lavori, Le Corbusier rappresenta una delle colonne portanti dell'architettura, un innovatore il cui spessore è oggi confermato anche dall’organismo Onu per Scienza, Educazione e Cultura che, pochi giorni fa, in seguito al meeting del World Heritage Committee di Istanbul, con un tweet ha dichiarato che ben 17 opere dell'architetto franco-svizzero sono state iscritte nella lista del Patrimonio mondiale dell’umanità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Ville Savoye

Considerato uno dei fondatori dell’architettura contemporanea, esponente del Movimento Moderno e del Brutalismo, Le Corbusier non era solo un architetto, ma anche urbanista, pittore e designer. Le opere prese in considerazione coprono un arco temporale di 50 anni di attività e si trovano in sette Paesi: Francia, Svizzera, Belgio, Germania, Argentina, Giappone e India. Tra queste Ville Savoye (nella foto sopra) a Poissy, la piccola Villa sul lago di Léman a Corseau, la Cité radieuse (nella foto sotto) di Marsiglia, un quartiere di Firminy, il Complexe di Capitole a Chandigarh in India, il National Museum of Western Art di Tokyo, e Casa Curutchet a La Plata, Argentina.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Cité radieuse a Marsiglia

Pioniere nell’uso del calcestruzzo armato per l’architettura, è stato anche uno dei precursori dell’urbanistica contemporanea e membro fondatore del Congrès Internationaux d’Architecture Moderne. Con la sua matita è riuscito a fondere l’architettura con i bisogni sociali dell’uomo medio, rivelandosi geniale pensatore della realtà del suo tempo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il quartiere di Firminy

 

Rispondendo alle sfide che la società e l’architettura hanno dovuto affrontare tra il 1910 e il 1960, il contributo di Le Corbusier – ha dichiarato Antonie Picon, presidente della Fondation Le Corbusieral movimento moderno ha suscitato un dibattito di idee a livello globale, ha contribuito a inventare un nuovo linguaggio in architettura, a modernizzare le tecniche costruttive e ha fornito risposte ai bisogni sociali e umani”.

 

National Museum of Western Art di Tokyo


La motivazione dell’UNESCO consiste proprio nella grandezza del suo lavoro e della sua abilità nel creare un nuovo linguaggio architettonico, capace di rompere con il passato. Un approccio innovativo che ha influenzato profondamente il XX secolo, cercando di rispondere alle esigenze della società moderna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'interno della Maison Laroche

 

Il team Dalla Verde

Soci e collaboratori

Architettura residenziale

Architettura e design

Restauro

Adeguamento statico e strutturale